Visite agli articoli
8100479

Abbiamo 361 visitatori e nessun utente online

Benvenuti nel sito di Linklav. Ultime notizie sul mondo del lavoro

Poletti: "previsto un emendamento sullʼApe social"

 ape

13.12.2017 - Un emendamento alla Manovra riguarderà le modifiche delle regole sull'anticipo pensionistico. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti,

Poletti ha risposto alle domande che gli sono state rivolte circa le regole del pensionamento anticipato, il ministro ha affermato che verrà emesso un nuovo emendamento alla Manovra che verrà sottoposto al giudizio della Camera. Previsto anche un allargamento delle categorie ai lavori gravosi e ad alcune fasce di lavoratrici donne. Il Ministro del Lavoro ha poi specificato che ‘gli argomenti sono quelli all’interno del documento presentato ai sindacati‘. Rassicurando sulle risorse, ha sottolineato come verranno ottenute grazie ai risparmi. Risparmi che sarebbero già presenti.

Secondo quanto confermato dal ministro Poletti, per le 'mansioni gravose', previsto l'inclusione degli operai agricoli, dei marittimi, dei siderurgici e dei lavoratori della pesca.

Anche per questi lavoratori, pertanto, dovrebbero aprirsi le porte della pensione anticipata al raggiungimento dei 63 anni di età anagrafica e il relativo versamento di almeno 36 anni di contributi; in alternativa, i 41 anni di contributi come lavoratori precoci a patto di soddisfare il requisito dei dodici mesi di lavoro svolti prima del compimento del diciannovesimo anno di età.

Maggiori ‘sconti’ per le donne e l’allargamento dell’Ape social alle nuove categorie di lavori gravosi. Sono le nuove misure che verranno adottate a modifica del regolamento sull’anticipo della pensione e che verranno contenute in un emendamento alla Manovra.

L'emendamento alla Legge di Bilancio dovrebbe prevedere un irrobustimento dello sconto contributivo per l'accesso all'Ape Sociale: si dovrebbe passare allo sconto di un anno per ogni figlio, entro un massimo di 2 anni. Facendo l'esempio di una lavoratrice con due figli, questa potrà accedere alla pensione anticipata con ventotto anni di contributi versati anziché gli attuali 30: nel caso in cui la stessa lavoratrice svolga una delle cosiddette 'mansioni gravose', potrà accedere alla pensione con 34 anni di contributi invece di 36

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha voluto precisare la fonte delle risorse che saranno necessarie all’attuazione del progetto: ‘Le risorse ci sono e saranno ricavate dalle mancate spese‘. Poletti ha anche parlato dei contratti a termine definendo il tema ‘una riflessione aperta’. Verranno discussi i limiti temporali per i contratti a tempo determinato, senza trincerarsi in una ‘stretta chiusura ideologica‘.